Le Invasioni Digitali al Museo Archeologico

Ultimi articoli
Newsletter

Eboli | l'appuntamento con la manifestazione nazionale è per stamattina alle 10

Le Invasioni Digitali al Museo Archeologico

Una serie di mini eventi per coloro che sono attivi sui social media

di Nicola Salati

Le Invasioni Digitali arrivano al Museo Archeologico
Le Invasioni Digitali arrivano al Museo Archeologico

EBOLI | Il Comune di Eboli ha aderito all’iniziativa «Invasioni digitali», progettata e ideata da Fabrizio Todisco, in collaborazione con la Rete di travel blogger italiani di #iofacciorete, Officina turistica, Instagramers italia e l’Associazione nazionale piccoli musei.

L’INIZIATIVA | L’iniziativa prevede una serie di mini eventi presso musei, luoghi d'arte e paesaggi naturalistici rivolti a chiunque sia attivo sui social media, dai blogger agli instagramer passando per appassionati d'arte e fotografia. L’obiettivo è quello di diffondere la cultura dell’utilizzo di internet e dei social media per favorire la promozione e la diffusione del nostro patrimonio culturale. Le invasioni digitali si terranno in tutta Italia nella settimana tra il 20 e il 28 aprile, ad Eboli l’invasione della cultura è prevista per oggi.

L’APPUNTAMENTO EBOLITANO | L’appuntamento è alle ore 10 dinanzi al Museo Archeologico Nazionale, in piazza San Francesco. Rispondiamo all’appello, invadiamo con smartphone, video e fotocamere i luoghi della Cultura, il Museo Archeologico Nazionale, il Moa – Museum Operation Avalanche – le fornaci romane e condividiamo l’esperienza sui social media.

L’IDEATRICE | «Il progetto – dichiara Chiara Altieri, coordinatrice dell’evento di Eboli - nasce dall’idea di un ragazzo di Pontecagnano, Fabrizio Todisco, che poi è stata ampiamente condivisa sul web. Il proposito è quello di liberare la cultura dalle formalità e diffonderla in rete. Invadiamo il web di foto accompagnate da due specifici ashtag: #invasionidigitali; #ebolibella. L’appuntamento è alle 10, presso il Museo Archeologico, ciò non toglie che ciascuno può scegliere il proprio luogo di cultura e condividerlo con il resto del mondo».

L’ASSESSORE ALLA CULTURA | A riguardo interviene l’assessore alla Cultura Liberato Martucciello: «Si tratta di un’iniziativa che coniuga il passato alle nuove e più avanzate tecnologie del presente. Con Chiara Altieri abbiamo deciso di aderire, oltrepassando le regole e la burocrazia che spesso ingessano la cultura. Proprio per questo, non abbiamo aderito con una specifica delibera, e intendiamo accompagnare e supportare l’iniziativa con gli strumenti a nostra disposizione. Abbiamo scelto di rompere gli schemi, allo scopo di far conoscere il nostro patrimonio attraverso una più ampia condivisione in rete».

QUELLO ALLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE | «È una iniziativa davvero interessante – dichiara l’assessore alle Attività Produttive ed al Turismo Francesco Bello - e affinché funzioni è importante la partecipazione di tutti. Per tale motivo, invito tutti ad essere presenti ed a vivere attivamente il proprio territorio. Mettiamo da parte la consuetudine di spingerci fuori Eboli, e riappropriamoci della nostra città».

DIRETTRICE MUSEO | Grande entusiasmo anche da parte della direttrice del Museo Archeologico Nazionale di Eboli Giovanna Scarano: «Crediamo nell’iniziativa che abbiamo immediatamente sposato, nel proposito di servirci di strumenti moderni ed innovativi per promuovere la storia del territorio ed il suo patrimonio storico ed archeologico, rivolgendoci soprattutto ai giovani. Il museo è di tutti, tuttavia, con i giovani va instaurato un rapporto preferenziale, per creare una maggiore coscienza dell’antico che corrisponde a piena coscienza delle proprie radici».

IL PRIMO CITTADINO | «Si tratta di una iniziativa – dichiara il sindaco di Eboli Martino Melchionda - all’avanguardia ed innovativa, che, avvalendosi dei mezzi di comunicazione di ultima generazione, permetterà al nostro patrimonio artistico- culturale di entrare in rete e, dunque, di essere condiviso da tutti. Un progetto di tal tipo favorirà la diffusione delle nostre peculiarità, e ciò potrà sicuramente avere importanti risvolti dal punto di vista turistico. Ringrazio la direttrice del Museo Archeologico ed il Moa per aver aderito, e la giovane Chiara Altieri, referente di Eboli dell’iniziativa».

Sabato 27 aprile 2013

© Riproduzione riservata

849 visualizzazioni

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: