Con la nascita del nuovo Piano di Zona S/8 si sono risparmiati quasi centomila euro

Ultimi articoli
Newsletter

Vallo della Lucania | Nell'ultima assemblea varata l'organizzazione sul territorio

Con la nascita del nuovo Piano di Zona S/8
si sono risparmiati quasi centomila euro

Il sindaco di Castellabate mette da parte le polemiche e guarda avanti

di Nicola Salati

Varata la nuova organizzazione sul territorio del Piano di Zona Ambito S/8
Varata la nuova organizzazione sul territorio del Piano di Zona Ambito S/8

VALLO DELLA LUCANIA | Si risparmiano quasi centomila euro dopo la nascita del nuovo Piano di Zona S/8 a Vallo della Lucania. Il bilancio è stato reso noto nel corso dell’ultima riunione del Coordinamento istituzionale che si è tenuta lo scorso 6 giugno. Infatti se prima con l’Ambito S/7 per gli Uffici di Piano erano destinati 240mila euro, ora ce ne sono a disposizione 145.188 euro, mentre identica cifra, 383.000, è stata riservata per i Segretariati Sociali. Il totale porta quindi a calcolare che prima si arrivava a una spesa per il personale pari a 623.000 euro, mentre ora ci si ferma a 528.188 euro: 95mila euro in meno che possono essere investiti sui servizi per le persone più bisognose.

L’ORGANIZZAZIONE SUL TERRITORIO | La riunione comunque era stata convocata pure per definire l’assetto della struttura tecnico gestionale che dopo il passaggio da Castellabate a Vallo della Lucania del ruolo di Comune capofila si presenta più snella e con maggiore presa sul territorio. Innanzitutto per l’Ufficio di Piano è previsto un Coordinatore che sovraintende al responsabile dell’Ufficio Finanziario del Comune capofila e ai referenti amministrativo, contabile e amministrativo, mentre sono stati previsti l’istituzione di sei Segretariati Sociali rispetto ai tre precedenti con una serie di figure professionali che li vanno a comporre (due sociologhi, di cui uno coordinatore, e uno psicologo): Agropoli (da cui dipendono Cicerale, Perdifumo, Prignano Cilento, Torchiara, Serramezzana, Laureana Cilento e Rutino); Castellabate (Montecorice, Ogliastro Cilento, Pollica, San Mauro Cilento e Laureana Cilento), Castelnuovo Cilento (Casal Velino, Ascea, Pisciotta, Lustra, Stella Cilento, Sessa Cilento e Omignano); Laurito (Cuccaro Vetere, Montano Antilia, Futani e San Mauro La Bruca); Gioi (Orria, Perito, Stio e Salento); Vallo della Lucania (Campora, Novi Velia, Cannalonga, Moio della Civitella e Ceraso). Inoltre l’Ambito S/8 sarà pure dotato di dieci assistenti sociali che operano sul territorio di competenza.

L’INTERVENTO DI SPINELLI | All’inizio dell’adunanza ha voluto prendere pure la parola il primo cittadino di Castellabate Costabile Spinelli per stemperare i toni dopo i lunghi mesi di discussione che si sono avuti con il cambio del Comune capofila: «Si è scritta una delle più brutte pagine della storia del Cilento. Comunque ritengo, superata la fase degli scontri perché bisogna dare priorità alle necessità del territorio».

Domenica 16 giugno 2013

© Riproduzione riservata

1043 visualizzazioni

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: