Aiuti economici e lavoro in cambio di sesso. Ecco alcuni episodi che accusano al sindaco

Ultimi articoli
Newsletter

Battipaglia | la scoperta attraverso le intercettazioni ambientali

Aiuti economici e lavoro in cambio di sesso
Ecco alcuni episodi che accusano al sindaco

Nel corso dell'inchiesta venuti fuori due episodi di concussione sessuale

di Nicola Salati

Giovanni santomauro è anche accusato di aver chiesto prestazioni sessuali in cambio di un lavoro
Giovanni santomauro è anche accusato di aver chiesto prestazioni sessuali in cambio di un lavoro

BATTIPAGLIA | Sulla testa di Giovanni Santomauro, sindaco di Battipaglia, pendono accuse gravissime formulate dalla Direzione Investigativa Antimafia. Appalti in cambio di posti di lavoro. Che ovviamente servivano nella logica della clientela politica. I contratti che le aziende promettevano al primo cittadino diventavano così merce di scambio. E a questo punto alle accuse pesantissime si mischia una condotta che i giudici considerano anche più grave dal punto di vista morale. Secondo le attività di intercettazione telefonica ed ambientale eseguita dagli 007 dell’Antimafia, il sindaco sarebbe stato protagonista di alcuni episodi di concussione sessuale ai danno di due donne separate e con evidenti problemi economici, residenti a Battipaglia.

PRESTAZIONI SESSUALI | A loro avrebbe imposto prestazioni sessuali in cambio del suo impegno a risolvere le loro difficoltà economiche. Prometteva lavoro nelle aziende che vincevano gli appalti pubblici, oppure garantiva contributi comunali. Con loro, il sindaco avrebbe avuto rapporti nel suo ufficio in municipio. Le vittime sono madri separate e in difficoltà economiche. Le vicende sono ricostruite, anche grazie alle intercettazioni ambientali, nell'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip Dolores Zarone su richiesta dei pm Rosa Volpe e Rocco Alfano.

PRIMO EPISODIO | Il primo episodio risale all'aprile del 2010. La donna straniera è interessata alla concessione di un chiosco nella zona balneare di Battipaglia; per due volte Santomauro la riceve in ufficio e, lasciandole intendere di aiutarla a ottenere la concessione, le impone di avere rapporti sessuali. Grazie alle cimici nascoste nella stanza, gli investigatori possono ascoltare le conversazioni in diretta; la donna, in particolare, cerca di commuovere il sindaco: «Tu lo sai, io ho due figli e devo pensare a loro, io sono da sola...Non è che vado là schiava, perché fare la schiava di altri, guardare la gente guadagnare i soldi e io sto sempre disperata...».

SECONDO EPISODIO | Il secondo episodio risale all'ottobre dello stesso anno. In questo caso la donna è un'italiana, madre di una bambina e terrorizzata dall'idea che l'ex marito le porti via la figlia a causa della sua situazione di indigenza; la donna aspira a un posto in un call center e quando Santomauro la spinge ad avere un rapporto sessuale prova in tutti i modi ad allontanarsi. «No, stai fermo! No, Giovanni, no, ti prego! Adesso basta, eh, io apro la porta! Mi fai passare?». Il sindaco, tuttavia, riesce a vincere le sue resistenze. Così la malcapitata racconterà l'episodio agli investigatori: «Abbiamo effettivamente avuto un rapporto fisico che io ho assolutamente subito, non trovandomi nella necessaria condizione di serenità per compiere una libera scelta: in quel periodo ero terrorizzata di poter perdere l'affidamento di mia figlia per insufficiente capacità reddituale. Dopo questo episodio ce ne è stato anche un secondo, dopodiché ho sempre rifiutato di recarmi nell'ufficio del sindaco».

Mercoledì 8 maggio 2013

© Riproduzione riservata

664 visualizzazioni

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: